Voltaggio e la Pinacoteca dei Cappuccini

La Pinacoteca dei Frati Cappuccini di Voltaggio offre ai visitatori una bella  e consistente raccolta di opere pittoriche, per lo più a tema religioso, realizzate tra il XVI e il XIX secolo. Nella cornice del convento seicentesco sono esposti, tra gli altri,  lavori di Sinibaldo Scorza, Bernardo Strozzi, Domenico Fiasella e Luca Cambiaso.Pinacoteca dei Frati Cappuccini di VoltaggioImmagine di proprietà dell’Associazione “L’Arcangelo”, impegnata nella promozione e gestione della pinacoteca
Apri il calendario degli eventi n programma alla Pinacoteca dei Padri Cappuccini di Voltaggio

La pinacoteca è aperta dal 1° maggio al 25 settembre 2016 tutte le domenica e i giorni festivi dalle 15.30 alle 18.30. Ingresso libero ad offerta.

Clicca sula locandina per ingrandirla e consultare il calendario degli eventi in programma tra maggio e settembre 2016.

Per info: www.pinacotecadivoltaggio.it
tel. 347 4608672
email: info@pinacotecadivoltaggio.it https://www.facebook.com/pinacotecadivoltaggio/

Ma la visita alla pinacoteca è anche una buona occasione per una gita a Voltaggio, un bellissimo borgo ricco di storia (c’è un po’ di tutto: il ponte romano, l’impianto medioevale, i palazzi barocchi) ai margini della natura selvaggia del Parco delle Capanne di Marcarolo.

La gita può rivelarsi particolarmente piacevole se con voi ci sono dei bambini che potranno giocare nel piccolo giardino loro riservato o negli spazi della Pro Loco (pagando, pochissimo, la tessera giornaliera) che includono campi da bocce, tennis, pallavolo e un circuito di minigolf in cui (come dire?) l’affiorare delle radici degli alberi aggiunge qualche “difficoltà tecnica”. Nei mesi più caldi (ma veramente caldi) è possibile anche bagnarsi nella “piscina” naturale (l’acqua è sempre corrente e davvero fresca) formata dal torrente Morsone.

Per i più audaci e salutisti c’è anche una fonte sulfurea (aggiornamento 2015: attualmente non è possibile attingere alla storica fonte) mentre ai golosi consigliamo i nostri locali preferiti: il Ristorante Visconti (meglio informarsi prima perché non tutti  weekend è aperto ma offre davvero una cucina imperdibile specialmente nella stagione di funghi e tartufi) e la Gelateria Vultabia, una nuova gelateria (ha aperto nell’estate 2012 nella piazza principale del paese) davvero artigianale e senza additivi, conservanti e coloranti, che serve anche ottimi vini, tra cui il nostro 😉 .

In paese è possibile visitare anche il “Museo della civiltà contadina” ospitato all’interno di palazzo Gazzolo un bel palazzo storico brillantemente restaurato che accoglie anche il  “Centro di Documentazione per la Storia e la Cultura Locale del Parco delle Capanne di Marcarolo”, una piccola e curata biblioteca e l’Ostello di Voltaggio, una struttura nuova e accogliente che offre ospitalità tutto l’anno (www.ostellovoltaggio.it)

Infine, come arrivare: da Nord passando da Serravalle e poi da Gavi e proseguendo sempre lungo la Val Lemme. Da Sud sono possibili due percorsi: da Busalla attraverso il Passo della Castagnola o direttamente da Genova tramite il Passo della Bocchetta.


Se ti piace questa pagina, condividila!
condividi su facebook Condividi su Google+  condividi via email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Un pensiero su “Voltaggio e la Pinacoteca dei Cappuccini

  1. Pingback: Voltaggio e la Pinacoteca dei Cappuccini | Gavi...

I commenti sono chiusi.